Cantine

Servizi

Cantine

Marchi Ci sono 51 marchi

per pagina
  • Abbazia Santa Anastasia

    L'Azienda Enoagricola Abbazia Santa Anastasia si affaccia agli albori del nuovo secolo con rinnovata vitalità ma forte di un passato che la colloca di diritto fra i nomi più illustri dell'enologia siciliana. Fondata nel 1100 dal Conte Ruggero d'Altavilla, l'Abbazia Santa Anastasia diviene fulcro culturale e lavorativo per gli abitanti delle madonie. Negli anni 80 i locali dell'Abbazia vengono restaurati con grande perizia e trasformati in un moderno stabilimento enologico. A Santa Anastasia si raccoglie l'uva a mano, durante le ore fresche. Le uve bianche poi, vengono raffreddate prima ancora di essere ammostate. Per le rosse le macerazioni sono di media lunghe. I vini bianchi si conservano "sur lies" e a temperatura fresca. I grandi rossi invecchiano in barriques di quercia francese.

  • Alessandro di Camporeale

    Nel piccolo centro agricolo di Camporeale, alle falde delle colline che sovrastano la pianura di Mandranova, in un territorio ricco di fascino dove l’agricoltura è sempre stata l’attività prevalente, nasce l’Azienda vitivinicola Alessandro di Camporeale.

  • Antichi Vinai

    Antichi Vinai produce solo vini da vitigni etnei e autoctoni siciliani. Una scelta precisa per esaltare il carattere e la tradizione di vitigni che in quest’isola sono nati o vivono da centinaia di anni, che ne hanno assorbito le caratteristiche e lo spirito in uno scambio ininterrotto di sapori e profumi. Un’esperienza particolare che permette ad Antichi Vinai di scegliere le tecniche di coltivazione e vinifi cazione più adatte a mantenere l’integrità e la tipicità di questi vini, senza cedere alle lusinghe delle mode che inevitabilmente ne snaturerebbero il carattere autentico. Per trasformare ogni bicchiere in una degustazione della cultura e della storia siciliana.

  • Avide

    La cantina Avide domina un paesaggio della Sicilia d'altri tempi, un territorio scandito da labirintici e geometrici muretti a secco, artistici nella loro rigorosa ed essenziale costruzione e spesso sovrastati da ombrosi carrubi. Tutt'intorno, ci troviamo nella zona di Comiso, si staglia l'altopiano ibleo con i suoi pendii scoscesi e selvaggi, le cave, le masserie e le sterpaglie. Forse è proprio il carrubo l'elemento tipico del territorio, laddove si incunea la Strada del nero d'Avola e del Cerasuolo di Vittoria. 

  • Baglio di Pianetto

    La grande avventura della Baglio di Pianetto nasce dalla passione e dalla tenacia del Conte Paolo Marzotto da sempre amante delle sfide in Sicilia nel comune di Santa Cristina Gela, nella zona DOC Monreale, in provincia di Palermo.  La vittoria conquistata con la Ferrari nel 1952 proprio in Sicilia ha suggellato un legame importante con questa terra ricca di temperamento e tradizioni. 

  • Benanti

    Alla fine dell'800 Giuseppe Benanti, nonno dell'attuale Giuseppe, avviò la produzione di vini in un antico podere del padre alle pendici dell'Etna, a Viagrande (Catania). Nel 1988 Giuseppe Benanti riprende l'antica passione di famiglia, dando inizio ad un'approfondita selezione dei terreni etnei altamente vocati alla vitivinicoltura e alla ricerca di particolari cloni di vitigni autoctoni e di nuove tecniche enologiche attraverso cui riprodurre le antiche fragranze con l'ausilio delle più moderne tecniche di vinificazione, come in un perfetto connubio tra storia e realtà. Uno studio che, durato cinque anni, ha portato alla produzione di vini dal gusto unico, capaci di ricreare antichi sapori e di mantenerli intatti nel tempo. 

  • Calatrasi

    La Casa Vinicola Calatrasi S.p.A., fondata nel 1980 da Maurizio e Giuseppe Miccichè, ha sede in Sancipirello, a soli 30 Km a sud di Palermo. Il nucleo “creativo” dell’azienda è composto da un team di esperti agronomi e wine makers australiani che, coniugando tecnologia d’avanguardia e unicità del terroir del sud, danno vita a vini di ottima struttura, espressione dei profumi e sapori tipici delle calde terre del Mediterraneo. 

  • Cantine FINA

    “Carattere” è la parola d’ordine di Bruno Fina e dei suoi figli.

    I vini Fina, hanno infatti il gusto della passione e di quell’uva – frutto di una terra amata e combattuta – che viene sapientemente elevata a vino, grazie alla dedizione del lavoro in vigna.
    Hanno il calore familiare e l’esperienza di chi il vino lo ha sempre fatto e lo ha sempre saputo raccontare, ed è in questo modo che si trasmette il carattere ereditato dal territorio e l’armonia degli uomini che quotidianamente ricercano l’eccellenza.

  • Caravaglio

    Dal cuore verde delle Eolie, nell'isola di Salina e dall'amore per la cultura e tradizione, nascono i prodotti dell'azienda agricola Caravaglio. Tra tutti la Malvasia delle Lipari, un vino che esso stesso è mito, come mitica è l'isola di Salina.

  • Castiglion del Bosco

    Situato nel cuore del Brunello regione vinicola della Toscana, Castiglion del Bosco è uno dei più grandi Estates contigui della Toscana. Si trova nella Val d'Orcia 12 km nord-ovest di Montalcino, in Provenza di Siena, a soli 95 chilometri a sud di Firenze, a 200 chilometri a nord di Roma. La sua vasta proprietà si estende su dieci chilometri, che comprende circa 4.500 acri spettacolari della natura protetta preservare. Cinque volte più grande di Central Park di New York, nove volte più grande di Monaco e dodici volte più grande di Hyde Park a Londra, CdB è un magnifico pezzo di Toscana - goduto esclusivamente da un abbonamento privato intimo.

  • Cellaro

    Tutte le uve dei vitigni della Cantina Cellaro si avvantaggiano delle straordinarie condizioni pedo-climatiche delle colline circostanti Sambuca che raggiungono i 700 metri slm.

  • Ceuso

    Le origini vitivinicole della famiglia Melia della Cantina Ceuso risalgono alla metà del secolo scorso. E' tra i filari di famiglia che i fratelli Melia maturano l’idea di produrre pregiati vini rossi in un territorio di antica tradizione viticola: Alcamo. Con uno spirito pionieristico, i Melia credono ed investono sui vitigni a bacca nera in un’area da sempre vocata alla produzione di vini bianchi. All’inizio degli anni ’90 si introducono varietà quali il Nero d’Avola, il Cabernet Sauvignon, il Merlot puntando sulla qualità delle uve.